Spread the love

Sottrazioni, riflessioni pittoriche di Massimiliano Ferragina

di Sabina Fattibene

A Roma a due passi dal Vaticano in un piccolo spazio galleria Are Arte, che definirei la bomboniera dell’Arte, dove si possono trovare pregevoli artisti come Ugo Nespolo, Francesco Musante, Marco Lodola ed altri, si è fregiata di ospitare le opere di un maestro dell’arte astratta Massimiliano Ferragina con la sua mostra personale “Sottrazioni” che è stata in esposizione fino al 1Luglio 2022, in via Trionfale 10.

Massimiliano Ferragina 

Opere che sono riflessioni sul periodo pandemico, che ci ha sottratto il nostro socializzare, la fisicità, la condivisione. L’artista presenta una raccolta di lavori inediti in cui predomina la Sintesi pittorica la Luce e il Colore. Le pennellate sono vibranti e decise, con un cromatismo basato su tre colori primari: il Rosso energia, il Blu infinito, il Giallo con il suo doppio sia luce che follia.

Nelle opere quasi tutte su carta, domina il gesto libero, dove ogni tratto è studiato, voluto, cercato. A chi guarda l’immagine appare un’escalation di sfumature dal basso verso l’alto quasi a volere andare oltre il pensiero umano sino a toccare un mondo astrale. L’intento dell’artista è di fare riflettere l’osservatore sentendosi coinvolto in prima persona nel ricordare le sue sottrazioni, arrivando a compiere un’autoanalisi.

I colori delle opere con il calare della sera hanno acquistato maggiore valenza nella la piccola galleria per la luminosità che emanano. La mostra è stata curata da Alessandra Carducci che ha selezionato anche le opere in esposizione.

Grande successo di pubblico che ha degustato un cocktail raffinato, tanti i presenti tra amici e ospiti, arrivati da ogni parte, il marciapiede antistante la galleria traboccava di gente, venuti ad onorare le creazioni emozionali di un maestro del colore quale è Massimiliano Ferragina

Leggi altri articoli qui