Spread the love

“Contromano” è il nuovo singolo di stillpani, brano, prodotto con maestria da Luigi Tarquini, conosciuto come Etrusko, è un potente mix di sonorità pop che penetra nel cuore delle emozioni umane. Il ritornello coinvolgente di “Contromano” è un invito a gridare a squarciagola nei momenti di massima libertà, tracciando il sentiero delle relazioni complesse e ponendo la domanda universale: “Noi due, cosa siamo?”. Questo singolo segna la seconda tappa del percorso musicale di Stillpani dopo la firma con Kimura (LaPop), confermandolo come una promessa luminosa nella scena musicale contemporanea.

In questa intervista con Stillpani, scopriremo di più su di lui e la profondità di “Contromano”.

Com’è nata la tua passione per la musica e quali sono gli artisti che hanno maggiormente influenzato il tuo percorso artistico?

La mia passione per la musica in realtà l’ho scoperta fin da piccolo, tra gli artisti che mi hanno influenzato di più ti citerei Coez sicuramente.

Quando hai iniziato a sentire la necessità di raccontare la tua vita in musica?

A 10 anni ho scritto il mio primo vero e proprio testo, ho capito poi a 19 anni compiuti di avere l’assoluta esigenza di farlo sapere al mondo.

Qual è il tuo primo ricordo legato alla musica?

Le canzoni di Battiato cantate a squarciagola in macchina con mia madre.

Parliamo del tuo nuovo singolo. Quali sono i temi trattati e cosa ti ha spinto a scegliere questo titolo?

In questo brano tratto semplicemente il mio rapporto con una ragazza importante per me, con una sottile ironia susseguita da immagini forti proprio come il titolo.

Come artista, quanto è importante la ricerca e la sperimentazione di nuove sonorità?

Per me è indispensabile, penso di aver sperimentato molto fino ad ora e con questo brano ho fatto uno scalino in più per la mia carriera. Anche nel tempo, avere in tasca la possibilità di sperimentare è un ottimo risorsa.

Qual è l’insegnamento più importante che hai appreso fino adesso dalla musica?

Ho capito quanto sia importante il sacrificio e la dedizione, ma anche il fatto di aver trovato gente poco seria durante il mio percorso mi ha aperto gli occhi.

Qualche novità che vuoi condividere, in anteprima, con i nostri lettori?

Aspettatevi tante, tante cose nuove.

Di seneci