Spread the love

Da Cinecittà World, il parco del Cinema e della Tv, al Teatro Antico di Taormina per la XXXIV edizione di “UNA RAGAZZA PER IL CINEMA”.

Un vero successo, un evento bello ed emozionante quello della finalissima di Una ragazza per il Cinema, che ha visto esibirsi 111 splendide ragazze provenienti da tutta Italia, tra cui le ragazze della regione Lazio, accompagnate dall’attrice Carmen Morello in qualità di responsabile immagine Lazio, agente regionale Raoul Morandi assente per impegni di lavoro in Abruzzo, ma sempre presente al telefono per sostenerle e darle consigli. 9 le bellissime ragazze che hanno superato le tappe regionali e si sono aggiudicate la finale nazionale: Siria Buonocore, Alessandra Giancola, Alessia Conti, Maria Galatioto, Adriana Scrodato, Giuly Faraone, Gilda Fusco, Rimante Tosi e Nicole Lombardi.

E dopo una settimana intensa tra prove, coreografie e masterclass, in cui le ragazze si sono impegnate e hanno mostrato il proprio talento, è arrivata la serata spettacolo, nella quale si sono esibite mostrando le proprie capacità artistiche. Applauditissime quelle per il Lazio, Alessia, Nicole, Rimante, Maria e Adriana. Oltre la bellezza, anche il talento. Domenica 11 settembre invece il grande evento presentato da Adriana Volpe e Beppe Convertini belli e simpatici, al Teatro Antico di Taormina che ha visto primeggiare due delle 9 ragazze Lazio che hanno vinto le fasce nazionali Ragazza Messeguè Siria Buonocore e Gilda Fusco Ragazza Comer Sud.

La nuova Ragazza per il Cinema 2022 invece è Serena Caredda, una ragazza sarda bella e talentuosa. Un plauso a tutti gli agenti regionali di tutta Italia per la preziosa collaborazione e dedizione al concorso e a tutte le ragazze, un lavoro svolto con professionalità da diversi anni e che permette al concorso stesso di poter andar avanti e di promuovere sempre più ragazze come già fatto in tutti questi anni.
Presenti alla finalissima numerosi attori, produttori, registi, giornalisti, musicisti, cantanti e personaggi vari del mondo della cultura e dello spettacolo. Un’edizione che ha segnato la rinascita dello spettacolo, voluta fortemente dai patron Antonio Lo Presti e Daniela Eramo, per avere una continuità. Le ragazze, hanno avuto il privilegio, di sfilare, per la finale, in uno dei luoghi più belli al mondo, il Teatro Antico di Taormina.


Fantastico il lavoro di Garrison Rochelle, conosciuto e amato dal pubblico per la sua simpatia e grande professionalità e del suo team composto da Fabio Raspanti, coreografo e ballerino di grande talento, Elisa Laudani e Francesca Palmeri belle e bravissime che si sono occupate incessantemente di coordinare le ragazze e assistere Garrison e Fabio nell’insegnare le coreografie della finale nazionale. Un plauso anche a Giovanna e Alessandro Bonaccorso bravi e instancabili nel loro ruolo. E i fotografi ufficiali nazionali Enzo Raineri e Francesco Bonaccorso.

Ospiti della serata, il comico Paolo Caiazzo, uno degli attori cabarettisti più amati di “Made in Sud” e tanti altri format tv Rai e Mediaset, Povia, cantautore, chitarrista e blogger, vincitore del Festival di Sanremo 2006. Francesco Monte, modello e cantante, Nunzio Stancampiano, special guest, 19 anni, di Adrano, ballerino di Amici 2021, il produttore Cinematografico Antonio Chiaramonte Presidente CinemaSet, con Kate Sumner nota attrice e regista britannica che ha recitato in diversi film e figlia di Sting e la star libanese, attrice di chiara fama, Cynthia Khalifeh, tutti omaggiati dei meravigliosi calici firmati Mulo Merrino dell’artista ceramista di Caltagirone, Giuseppe Di Dio.


Presenti, anche quest’anno, Pablo Gil Cagnè, visagista di fama mondiale, Direttore artistico della Maison Gil Cagné e responsabile artistico della prestigiosa linea trucco Gil Cagné che con il suo straordinario team di truccatori ha esaltato la bellezza delle finaliste nazionali e Franco Battaglia, direttore dell’Agenzia ”The One Model”, re della moda.


Instancabile e professionale l’addetto stampa nazionale di una ragazza per il cinema Lucio Di Mauro che insieme alla sua collaboratrice, l’avv. Ester Isaia, grande professionista, si è occupato delle conferenze stampa e di tutta la promozione della finale nazionale. L’evento è stato trasmesso in diretta, sulle pagine FB, facendo registrare tantissime visualizzazioni. Lo stesso video è stato messo in onda, inoltre, anche nelle più importanti reti televisivi in Italia.

Carmen Morello, tornata a Una ragazza per il Cinema dopo diversi anni, in quanto ricordiamo che nelle passate edizioni ha presentato diverse serate spettacolo della finale nazionale, quest’anno si è dedicata completamente  alle ragazze Lazio, ma non solo, si è fatta apprezzare per la sua professionalità, per la sua disponibilità e umiltà da tutte le ragazze presenti, in quanto si è dedicata anche a fare da coach di recitazione a coloro che hanno chiesto il suo supporto.

Amata come sempre anche dai brand che l’hanno accompagnata per tutta la finale nazionale, ha indossato con classe ed eleganza, per la serata spettacolo un bellissimo abito della stilista siciliana Eva Sciascia Couture e per la finalissima di domenica 11 settembre un abito unico nel suo genere della stilista romana Edran, incantando il pubblico presente e ricevendo i complimenti anche dalle due attrici internazionali. Carmen ha anche indossato uno splendido anello firmato Xento della collezione Anna Giulia di Anna Suriano. Per il make up di Carmen Morello si ringrazia Mara Svelti truccatrice anche dei suoi format tv e Stefania Bartola, un grazie ad Emanuele Marra truccatore e fisioterapista che con grande dedizione si è occupato di alcune ragazze che durante la settimana hanno avuto dei piccoli inconvenienti.


Un grazie per le acconciature delle ragazze e di Carmen Morello alla sig.ra Cetty della Mara Progetto Donna.

Partners del team della Regione Lazio, il brand Mulo Merrino, La Voce Dell’Essere di Monica Federico, We 4 You Events di Antonella Filoni per il marketing e la promozione, Lino Sansone manager artistico e l’etichetta discografica Spc Sound di Silvio Pacicca. Addetto stampa ufficiale Francesco Caruso Litrico, credito foto di Michele Cutuli.