Spread the love

Evento speciale “Ultime ore di lotta” | EX MACHINA – Patrizia Genovesi/Pipistro | 6 novembre 2022 ore 18.00 | Open Studio Patrizia Genovesi – Roma

Domenica 6 novembre 2022 alle ore 18.00 si svolgerà un evento speciale all’interno della mostra video fotografica Ex machina, con le opere di Patrizia Genovesi e di Pipistro e con la direzione artistica di Patrizia Genovesi: sarà illustrata la genesi del progetto e le relazioni tra la poesia, le imagini esposte e l’intelligenza artificiale. Concluderà la serata la proiezione di un lavoro di video arte “Ultime ore di lotta” scritto da Pipistro e diretto da Patrizia Genovesi.

La mostra Ex Machina regala suggestioni e stimola riflessioni attraverso poesie, fotografie e video che offrono un punto di vista originale su un argomento che occupa oggi non solo speculatori del pensiero, ma anche scienziati e gente comune. La definizione della frase “deus ex machina”, che nelle tragedie greche indicava il dio che scende sulla terra e risolve la situazione, diventa nella mostra ex machina omettendo la parola deus e diventando letteralmente “dalla macchina”. Qual è dunque il pensiero della macchina e chi è macchina?

Pipistro ipotizza, nella poesia, che la macchina non voglia essere spenta. Che rivendichi il diritto di esistere. Alle macchine senzienti viene regalato il beneficio dell’innocenza, nessun doppio intento, nessuna dicotomia del pensiero tra bene individuale e bene comune. L’opera di Pipistro affronta il tema della “Macchina” e del rapporto di questa con la coscienza. Le poesie sono organizzate in forme e disegni secondo una metrica rigorosa. I testi sono profondi e provocatori. Le poesie possono essere lette seguendo percorsi visivi differenti. Ogni percorso ha un proprio significato anche quando la poesia è strutturata in blocchi opposti o contigui.

Le fotografie di Patrizia Genovesi creano un’eco visiva e concettuale alle poesie e contemporaneamente se ne distaccano gettando sul tema una luce personale e altra. Sono opere fantastiche e oniriche, una pista che la fotografa segue utilizzando una concretezza lontana dalla composizione classica che ha sempre padroneggiato, per sperimentare in questo progetto nuove regole di organizzazione visiva e concettuale. L’artista dà il via anche ad un’ulteriore fase di sperimentazione applicando alla produzione di una parte di fotografie algoritmi di intelligenza artificiale; il video ha uno stile visionario e profetico e vede la congiunzione tra i testi e musiche di Pipistro e la regia e la fotografia di Patrizia Genovesi.